home interpretariato e traduzioni

interpretariato e traduzioni

Ogni vostro evento, ogni incontro di lavoro da voi organizzato, in cui sia necessario l’intervento degli interpreti, presenta caratteristiche specifiche, legate non solo al regime linguistico prescelto, ma anche al numero di partecipanti e addirittura alla situazione logistica in cui l’evento si svolge: situazioni che il CRIC vaglierà attentamente insieme a voi e che determineranno il tipo di modalità interpretativa più consona alle vostre esigenze.

Per richiedere un preventivo gratuito potete scriverci o telefonare ai recapiti che troverete nella pagina dei contatti.

 

Simultanea, Consecutiva, Chuchotage:


interpretazione simultanea L'interpretazione simultanea viene utilizzata generalmente in un contesto ufficiale di riunione formale, convegno, conferenze e congressi di portata internazionale. Gli interpreti sono seduti in una cabina insonorizzata, dotata di cuffia e microfono.

 


interpretazione consecutiva L’interpretazione consecutiva viene impiegata durante incontri diplomatici ed eventi con un limitato numero di partecipanti. Normalmente l'interprete è di fianco all'oratore, ascolta il discorso dell'oratore, generalmente aiutandosi con brevi annotazioni, e lo traduce fedelmente per brani nell'altra lingua. Questa forma di interpretazione non necessita di particolari apparecchiature tecniche.

 


Lo chuchotage è una tecnica utilizzata quando è necessaria la traduzione per una sola persona (o al massimo due) in occasione di eventi con un numero limitato di partecipanti. Si tratta di una traduzione simultanea sussurrata all'orecchio dell'ascoltatore.

Interpretazione con Bidule, sistema “infoport” o valigetta

Il Bidule è un sistema che utilizza un apparecchio di trasmissione a radiofrequenze e dei ricevitori, ma non ha cabina insonorizzata.

Si tratta di un'utile alternativa alla simultanea e alla consecutiva, perché leggero e facile da trasportare, ma il suo utilizzo va confinato ad occasioni specifiche, come visite ad impianti o situazioni in cui le limitazioni di spazio non consentano altre soluzioni, giacché pur permettendo agli interpreti ed ai partecipanti di muoversi, non può rappresentare un valido sostituto della cabina in un contesto congressuale.

Lingue Attive e Lingue Passive

Le Lingue attive di un evento sono le lingue verso le quali si fornisce l'interpretazione, ossia quelle che I partecipanti ascoltano in cuffia. Le Lingue Passive sono invece le lingue parlate da chi interviene, cioè le lingue dalle quali si fornisce l'interpretazione.

Combinazione linguistica

S'intende per Combinazione Linguistica di un interprete la classificazione delle lingue di lavoro del professionista, definita sulla base dei criteri AIIC:

  • Lingue A: le lingue attive dell'interprete, in genere la lingua madre o una lingua di cui l'interprete ha pari padronanza.
  • Lingue B: lingue attive, di cui l'interprete ha eccellente padronanza e verso le quali lavora.
  • Lingue C: sono le lingue che l'interprete capisce perfettamente, e dalle quali traduce

Le Traduzioni scritte


La figura professionale del traduttore si distingue da quella dell'interprete (seppure I due termini vengano spesso usati in modo intercambiabile) in quanto il traduttore traduce generalmente verso testi scritti nella propria madrelingua.

Negli anni, il CRIC ha percepito una crescente necessità da parte dei suoi clienti di reperire servizi di traduzione scritta di alto livello. Mettendo a profitto la doppia vocazione di alcuni dei propri soci, come interpreti e traduttori di madrelingua, la nostra cooperativa si è costituita negli anni una clientela ristretta e fedele che ricorre ai nostri servizi per qualsiasi tipo di argomento, anche di alta tecnicità, e per ogni lingua, comprese quelle meno diffuse

 

 
Banner

interpretariato


Association Internationale des Interprètes de Conférence


credits